HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

Armagedda - Only true believers


Anno: 2003
Provenienza: Svezia
Etichetta: Agonia Records

Tracklisting:

1 - Refuse the blood of Jesus
2 - Only true believers
3 - Emperor from the eternal dark
4 - For I am his slave
5 - Poetry from a poisoned mind
6 - Demons
7 - Ftw
8 - Endless fields of sorrow
9 - Outro

Due anni dopo l'uscita di quel gioiellino chiamato "The final war approaching", gli svedesi Armagedda si cimentano nel secondo full-lenght, "Only true believers". Abbandonate in sequenza Sombre Records, Drakkar Productions e Painiac in favore della Agonia Productions, i tre blackster cambiano la formula vincente del precedente disco per abbracciare sonorità ancor più thrash senza dare spazio al riffing intenso ed interiore a cui eravamo abituati. Cosa che, a dirla tutta, mi ha lasciato perplesso nonché deluso: ora troviamo un sound più diretto e superficiale, a scapito della grandiosità dei brani che un tempo scavavano profondamente sotto il costato risultando così difficili da assimilare ma allo stesso tempo di forte impatto emotivo. Per quanto mi riguarda, anche se gli ottimi brani quali la title-track e "For I am his slave" non mancano, questa sorta di involuzione portatrice di semplicità e immediatezza fa di "Only true believers" un disco tra i tanti, non certamente quel degno successore del fantastico debut che mi aveva fatto ben sperare per il proseguo artistico della band. Detto questo, non aspettatevi qualcosa lungi dal black metal, qui l'unica cosa al di fuori da esso è la accentuata propensione verso il vecchio e ruvido thrash, attitudine che minimamente intacca lo 'zanzaroso' guitar work di Graav e A. Se cercate una release che esca fuori dalla media o che quantomeno riesca a sorprendervi per le idee che porta in grembo, non accontentatevi di "Only true believers" bensì puntate a uscite più rilevanti come, ad esempio, lo stesso "The final war approaching". Chi invece non ha paura di cadere sul banale o brama dischi black senza badare troppo se siano capolavori o meno, può avvicinarsi senza problemi al nuovo capitolo di casa Armagedda, anche se prima è consigliato un ascolto data la sostanziale differenza con ciò che precedentemente era stato rilasciato.

Voto: 6,5

Fearxes