HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

Jimi Jamison - Empires

Etichetta: Frontiers

Uscito originariamente nel 1999 su etichetta Usg / Frontiers, torna sui bancali dei negozi specializzati "Empires", uno dei massimi capolavori Aor degli ultimi anni, a firma dell'ex Survivor, Jimi Jamison. Rispetto alla prima edizione, sono state aggiunte due ulteriori bonus track, ossia la versione live di "Too Hot To Sleep" dei Survivor e la ballad "Keep It Evergreen", ma non sono certo queste due tracce, seppur di livello (specialmente la prima), a decretare il successo di "Empires", un disco che incarna dalla prima all' ultima nota il grande sogno americano, quello vero, reale, fatto di immense spiagge assolate e prosperose ed avvenenti ragazze, ma anche highway, motel, saloon e "Rocky" vari. (a tal proposito, emblematica è la versione live del classico "Burning Heart"). Risulta impossibile tracciare una lista di merito tra le quindici tracce del disco, visto che siamo più o meno su livelli stratosferici a partire dall' iniziale "Cry Tough", un delizioso mid tempo, dal ritornello esemplare, che ti rimane in testa sin dal primo ascolto, per proseguire con "Run From Thunder", un grintoso spezzato hard rock, in stile Survivor. Non passa di certo inosservato il tormentone sigla di Baywatch, la mega hit "I'm Always Here", forse il brano meno entusiasmante dell'intero lotto, complice anche il bombardamento televisivo, ma i livelli si innalzano alla massima potenza, quando il lettore incontra la traccia numero quattro, ossia la title track "Empires", una ballad ricca di pathos e di passaggi melodici da brividi, come da brividi è l'interpretazione memorabile di Jimi Jamison, in duetto con la suadente Liza Frazier. Volutamente mi fermo qui, in quanto è impensabile incensare oltre un disco che trasuda classe, arte e musica da far accapponare la pelle dalla bellezza, obbiettivamente un prodotto d'altri tempi, da riporre al fianco di capolavori come "Hi Infidelity" dei Reo Speedwagon, "The Grand Illusion" degli Styx ed "Escape" dei Journey. Se avete perso il primo treno, questa e' l'occasione buona per riscattarvi.

Voto: 9

Roberto Villani