HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

AA. VV. - Heavy rendez vous vol. II

Etichetta: New LM Records

Generalmente evito di fare le liste della spesa quando si tratta di recensire, ma in questo caso, trattandosi di una compilation che vede coinvolte sedici band nostrane è necessario fare il listone traccia per traccia. Sono le atmosfere power dei Wisdom ad aprire le danze; i patiti di Stratovarius et similia non dovrebbero rimanere delusi da una traccia orecchiabile e sorretta da un coro efficace. Si passa ai Fuoco Fatuo, dalle atmosfere più oniriche e cadenzate, quindi ad una mia vecchia conoscenza, i Rain, con l'eccellente Energy, hard & heavy esplosivo. Si torna a sonorità più epiche con i Rex Inferi e quindi alla progressiva Icarus degli Exotherm. Introduzione acustica ma riffoni di stampo heavy classico per i Graal, che in 5 minuti e rotti propongono un' ottima canzone. Doomeggiante (perdonate il termine) Anaconda dei Pylon, grezza quanto basta per ricordare i Black Sabbath o i Witchfinder General. Altro heavy di vecchio stampo con i Vanilla Rex e i Synthesis, che presentano una Firebound ottimamente sorretta dal reparto corde. I Motus Tenebrae spaziano verso il terreno progressive, come i colleghi Gallery of Lore. Si torna ad un heavy urlato con gli Exposed to Noise (bella l'alternanza tra le parti vocali) e ancora screaming – growling con la cattiva Bushfire dei Presence of Mind. Altra alternanza vocale tra parti pulite ed altre sporche con i Fear Traders. Pesantissima l'intro di Servant of the flash dei Braindeadz, che propongono il pezzo più duro del lotto. Si passa al prog dei Bullet Train, che con Il castello del tempo concludono degnamente la compilation. In definitiva la raccolta può coprire i gusti di tutto il pubblico metal. Intelligente la scelta della scaletta, che passa dal power, all'hard rock fino a giungere a generi più pesanti del metal, concludendo con l'eccezione dei Bullet Train. Considerato il prezzo l'acquisto è interessante per chi vuole conoscere qualche nuova band che altrimenti rischierebbe l'anonimato.

Voto: S.V.

Brown Jenkin