HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

Intervista con i Dammercide

A cura di: Impaler & Bloody Lisi

Ecco l'intervista alla nuova rivelazione del metal estremo italiano, i Dammercide, disponibilissimi dinanzi alle domande del duo Bloody Lisi - Impaler.

Lisi: cominciamo subito con il vostro CD "Link", cosa ne pensi del lavoro? Fammi un' autovalutazione dell'album
Deco: "Link" a un anno di distanza dall'uscita ha dato risultati abbastanza soddisfacenti, chiaro che col senno di poi, come per tutte le cose ti accorgi di tutti i difetti, le cose che vorresti cambiare e tutto, però a livello di mercato diciamo che è andato bene, per quelli che
possono essere i dati di mercato in Italia. come soddisfazione del gruppo, diciamo, l'unica cosa che + o - siamo tutti d'accordo, sarebbe stata da curare un po' di + la post-produzione. la pecca del disco, secondo noi, e anche secondo tanti, è il suono in generele... tutto sommato rappresenta abbastanza bene quelli che sono stati i primi 8 anni di Dammercide. Abbiamo avuto modo di mettere insieme la parte + fluida ! tutto sommato posso dire di essere soddisfatto e penso che anche il resto del gruppo sia d'accordo con me
Impy (piuttosto terrificante, come abbreviazione, per uno che originariamente firmerebbe "Impaler" n.d. Dark Mayhem): All'estero come sono le vendite?
Deco: da quando è uscito il disco lavoriamo per cercare delle distribuzioni e i risultati vanno a rilento, per adesso abbiamo ottenuto qualcosa in Inghilterra con la "Copro", molto è stato fatto sugli scambi con altre etichette, però le distribuzioni vere e proprie sono ancora abbastanza lontane, qualcosa è arrivato in Giappone... a nostra insaputa! [risate]
Lisi: State lavorando ad un nuovo CD?
Deco: si
Lisi: puoi dirci qualcosa su questo nuovo lavoro?
Deco: stiamo lavorando con un nuovo cantante [presente] che ha portato aria di rinnovamento (aria soprattutto! [risate]), un'estrazione musicale completamente diversa dal nostro primo cantante e cmq abbastanza diversa anche da quella degli altri nel gruppo, quindi il suo apporto compositivo ha portato dei cambiamenti. se in "Link" si poteva notare
una certa affinità con delle sfumature del death, piano piano stanno scomparendo in favore di un altro tipo di impatto ! non ci siamo messi a fare new metal, però è più un'impostazione verso il trash, cmq l'impostazione aggressiva non manca, si è trasformata.
Lisi: in una scena Italiana dominata dal metal di Rhapsody, Labirinth e Domine, come pensate si troveranno i Dammercide con i prox lavori?
Fabio2: Rhapsody, Labirinth e Domine... il 2002 sarà l'ultimo anno di questa tendenza [risate] col prox GOM e l'anno dopo ci saranno altre tendenze, quindi i D. saranno sempre cmq nella merda come al solito! perchè tanto da quello che ho letto da altre recensioni, interviste e palle varie i D. sembra che non facciano un genere, per cui non ci sarà mai la tendenza o se ci sarà, sarà la tendenza Dammercide.
Impy: ci sono anche altri gruppi che non riescono a definire, tipo, ieri sera leggevo l'intervista agli Aborym--- adesso non usano un batterista ma una "drum machine", alla fine non definiscono new metal neanche quelli
Deco: può essere una scelta artistica come un'altra che non influenza più di tanto sul genere,anche i Samael, già dai tempi di "Passage" son passati a usare la batteria elettronica, non è che si senta più di tanto la differenza, stando strettamente nella scena
italiana, non è che sia tanto diversa dalla scena mondiale, anche qua ci sono tanti fuochi di paglia, che se ne vanno con le tendenze, pochi gruppi, tipo i Glacial Fear che sono in piedi da tanti anni, non li caga praticamente nessuno a livello di mercato, però i loro 3-4 dischi
li fanno, c'è la speranza, per lo meno, di costruirsi, non dico una carriera lunga, ma almeno di togliersi delle soddisfazioni artistiche, poi, se c'è anche da mangiarci, a noi va bene
[Fabio2: siccome in Italia va a mode, noi non apparteniamo a filoni standardizzati, ...
Impy: se non sbaglio, uno dei gruppi italiani attivi da più anni e che ha avuto più successo all'estero sono i Death SS, alcuni dicono che si sono commericalizzati apposta
Deco: penso che cmq possano permetterselo, ci sono in Italia dei gruppi che possono permettersi di occupare la posizione di pionieri, i Death SS sicuramente sono tra quelli, come i Necrodeath, come gli Extrema, che alla fine fanno il cazzo che hanno voglia, alla gente i dischi non piacciono, ma loro continuano tranquilli, il discorso è sempre che ognuno è libero di fare quello che gli pare, musicalmente, poi ci sono quelli che vendono, perchè accusarli
Impy: basta guardare anche i Necrodeath che hanno fatto qualcosa prima, poi hanno smesso per un po' finchè non è arrivato Flegias...
[D]Lisi: da che band prendete spunto? vi sentite inquadrati in qualche genere particolare?
Deco: ai pezzi nuovi... i Cinic, un pochino, strumentalmente potremmo esserci, secondo me i Voivod, anche se non li ascolta nessuno del gruppo però qualcosa c'è dell'ultimo periodo Pantera?... Dream Tehater, che ci sono sempre, più o meno facendo riferimento a quelli che sono i gusti musicali di tutti. il fatto di non riuscire a identificarsi in un genere viene anche dal fatto che non abbiamo come gruppo le idee più di tanto chiare come gusti musicali, perchè tra tutti ascoltiamo tutto e il contrario di tutto, quindi anche stilare un elenco di gruppi che ci influenzano... facciamo più in fretta a dire che tutto quello che ci piace ci influenza e il ventaglio è molto ampio. sulle parti cantate e melodiche Alice in Chains, Faith no More, tutto
un certo tipo di metal "alternativo" che è uscito nei primi anni '90, sulle parti d'impatto, chi + ne ha + ne metta, tra Pantera, Meshuggah, thrash tecnico dell'ultima generazione, diciamo, anche i Testament... diciamo
Impy: e come genere, come vi inquadrate, visto che non vi inquadrano gli altri?
Deco: azzo... non ci poniamo il problema!
Fabio2: anche perchè da questa prima imbastita di pezzi nuovi, non ce n'è uno uguale a un altro
Deco: c'è una varietà tra un pezzo e un altro che non ti aiuta più di tanto a definire
Fabio2: (è brutto, non registrare!) ti metti, come li chiamavano una volta crossover, perchè fai tutto
Deco: definizione pura del genere dovrebbe essere quella, ma non facciamo cross over, non facciamo parti rappate! noi facciamo metal, poi ci mettiamo del nostro!
Lisi: pensate di partecipare come opener a festival come GOM, No Mercy, Tattoo o X-Mas?
Deco: ci fosse la possibilità si, noi ci pensiamo in continuazione...l a volontà ci sarebbe di fare un casino di cose
Fabio2: per il prossimo anno escluderei ogni tipo di cosa, di quelli che hai nominato, se viene fuori qualcos'altro... qui non si fa nulla perchè non si sa nulla
Deco: il discorso è che al di là dell'opinione che possiamo avere sulla cosa, in Italia esiste un'elite, che è appunto quella che stà sulla cresta dell'onda, con i dati di vendita buoni, facendo parte di una scena così forte non hanno problemi a partecipare a cose del genere i tempi di realizzazione di certe cose sono allucinanti, richiedono una costanza bella spessa non essendo personaggi che non frequentano certe scene, all'italiana, si fa molto tutto in
famiglia, è ovvio che i gruppi che sono clienti abituali del Transilvania, per esempio, è ovvio che saranno i primi a suonarci, ma è sempre stato così. noi all'Oscar Wilde (ndI: locale vercellese) suonavamo 2 volte al mese... no 2 volte al mese no...
Fabio2: solo perchè non volevamo!
Impy: adesso hanno bruciato anche quello!
Deco: adesso non abbiamo nemmeno più il posto dove suonare a Vercelli, pazienza! piano piano qualcosa si sta sbloccando, è ovvio che fino a quando non riesci a bucare sta cosa dell'élite
Fabio2: non si sblocca niente, Deco, sei tu che diventi rompi coglioni talmente tanto che poi alla fine per forza ti devono dare!
Deco: cmq soltanto cambiando la politica di gruppo... prendendo ad esempio un altro gruppo di Vercelli, gli Arcadia: loro suonano un casino, però hanno anche un'idea dell'attività live che è completamente diversa dalla nostra, bene o male sono le 2 tipologie di gruppo che si trovano in Italia, quelli che suonano comunque dappertutto anche di fronte a 15... lì però è anche un discorso di pubblico metal oltre che di gruppo
Impy: anche gli Arcadia....
Deco: anche loro sono in una situazione intermedia perchè bene o male sono + inquadrabili e hanno più possibilità di essere accostati ad una certa scena, cmq loro hanno sta politica di suonare ovunque a tutti i costi, noi, per scelta nostra, cerchiamo di arrivare solo nei punti nevralgici, è più difficile così perchè chi suona dappertutto ha più possibiolità di farsi il nome, hai le liste lunghe così di serate su Metal Hammer, poi, alla fine i nomi dei locali sono sempre gli stessi, questo non per fare cattiva pubblicità alla scena metal italiana, però non tutti sono all'altezza della situazione, è da premiare l'impegno che ci mettono, però ci vuole anche qualcos'altro, ci fossero solo locali come il Babylonia sarebbe una pacchia, o come
il Rainbow, purtroppo non è così, quindi il gruppo si trova di fronte a sto bivio, vuoi per impegni personali, perchè di metallari in Italia che ci vivono sono veramente pochi, se non nessuno, noi sicuramente no! probabilmente gruppi come Rhapsody, Labirinth campano di musica, hanno la fortuna di avere anche mercato all'estero
Impy/Lisi: ci sono anche persone che non ascoltano il genere e sentono gruppi come questi
Deco: non si può accusare il pubblico se ascoltano sempre gli stessi gruppi, certi gruppi avendo un'esposizione promozionale maggiore al pubblico è giusto che abbiano + riscontro, perchè possono permetterselo, sono cose che funzionano, è un discorso di professionalità. succede tanto nel mercato americano tanto in quello europeo, purtroppo quello italiano fa entità a sè, non ha riscontro sul territorio europeo, non ha riscontro su quello americano, le proporzioni sono quelle, quello che potrebbe essere proporzionalmente un dato di vendita come il nostro in America è una figata allucinante, i gruppi cominciano a prenderci dei soldi, ma perchè fanno vendita su un ventaglio di pubblico molto più ampio di quello italiano, poi c'è una cultura musicale diversa tra l'estero e l'Italia il metal se vuoi è un'evoluzione del rock, il rock in Italia è una cultura trapiantata
Fabio2: il rock in Italia è una cultura che non ha mai preso piede
Deco: quando poteva farlo, è morto tutto in 3 o 4 anni
Fabio2: in Italia dagli anni '60 ad adesso continua ad esserci quella che chiamano musica leggera, la canzonetta, e continuerà ad esserci, fino a quando esisterà Pippo Baudo! [commenti su Mike Bongiorno]
Lisi: chi sono i Dammercide nella vita quotidiana?
Deco: Fabio Colombi, voce, impiegato statale (di merda lo aggiungo io!), padre di famiglia, sosia di Boris Becker, un po' + Rocco Siffredi adesso (ahuauhauha! n.d. Dark Mayhem, sempre piu' nel panico)
Fabio2: io non mi faccio fare i pompini nei bagni dei ristoranti!
Deco: fai male! Enrico Benvenuto, chitarrista, saldatore, tecnico riparatore di saldatrici, un po' instabile del gruppo, poi c'è l'ingegner Fausto Massa, l'altro chitarrista, mezzo prete mezzo camionista, come lo chiamiamo noi, riesce a far convivere l'immagine del perfetto ingegnere con la delicatezza di uno scaricatore di porto, passa da picchi di finezza a picchi di volgarità incredibile, poi chi sono io, Fabio Decovic, operaio paranoico
Fabio2: si guarda anche la tele spenta per ore!
Deco: soffro di turbe psichiche a detta di tutti, io non me ne accorgo, ho vuoti di memoria in cui faccio cose che non so (siamo molto simili, allora, solo che io a volte ho dei momenti in cui ragiono, e sono piu'rari degli altri n.d. Dark Mayhem, sempre più collassato nel leggere l'intervista)
Fabio2: vogliamo raccontare un simpatico aneddoto? un giorno gli telefono a casa verso le 5 del pomeriggio, "allora, Deco, ci vediamo alle 6 in quel posto?", "si,si, tranquillo! sto già tirando intorno alla casa il nastro segnaletico!!, "ok, ciao!"
Deco: io di questa telefonata non ricordo assolutamente niente, so che l'ho visto la sera e mi ha chiesto informazioni se avevo finito di girare con sto nastro segnaletico, ho sta cosa che rispondo al telefono nel sonno e dico delle cose...
ultimo, ma non meno importante, anzi, forse il personaggio dei Dammercide, alla batteria Massimo Balanzino, Max, l'animale da festa! personaggio di una vitalità incredibile, a parte che anche a vederlo non centra assolutamente un cazzo col metal, anche come immagine, come ascolti, questo ascolta House, arriva alle prove col suo bel cassettone di Bob Marley, poi, per carità, penso che in intimità del metal lo ascolti, lui ha proprio sto atteggiamento da party americano, con la sua giacchetta di pelle, un po' com'era Cliff Burton, un personaggio del genere, molto pesce fuor d'acqua
Fabio2: soprattutto è un personaggio che tutti inviterebbero per fare delle cose a 3!
Deco: poi all'interno del gruppo, figura importantissima, perchè è stato il 1° a segnare una svolta nel modo di suonare, lui non è il batterista della formazione originale, è entrato dopo il demo, ha dato un apporto compositivo notevole, anche sull'impatto che ha come modo di suonare, i Dammercide, grossomodo, sono così
Fabio2: c'è da dire che i Dammercide sono collezionisti di foto [risate] ineditissime, tra i vari Bombolo e Alvaro Vitali, Diego Abatantuono... (ognuno ha i suoi gusti! n.d. Dark Mayhem)
Deco: bene o male la sala prove la tappezzano di calendari di donne nude, classiche cose da officina, noi ne abbiamo una paio
Fabio2: giusto perchè non volevamo rimanere proprio fuori!
Deco: Diego Abatantuono, Antonio Inochi, Bombolo...
Fabio2: io con tre cazzi!
Deco: fotomontaggi...
Fabio2: siamo diventati anche esperti in grafica per divertirci! [risate]
Lisi: per concludere, domanda scontata, cosa ne pensate degli mp3?
Deco: gli mp3 sono una figata perchè innanzi tutto risparmi un casino, uno che ha un po' di ampie vedute sul mondo musicale, non puoi comprarli tutti i cd, costano troppo, io son già uno di quelli che ne compra un po', anche dove riesci a pagarli di meno costano cmq troppo, l'mp3 se vuoi avvicinarti a un gruppo per capire un attimino che musica fa, sono un ottimo veicolo promozionale, riesci a beccare qualsiasi cosa, se hai un minimo di interesse per qualcosa che non conosci, l'mp3 è meglio che andare a rompere i marroni al negoziante di scartarti il disco, fartelo mettere su, scoprire che non ti piace non glielo compri, il negoziante si incazza, la volta dopo ti vede e ti fa pagare il cd il triplo [risate] per dispetto!
Fabio2: non siamo nemmeno, cmq, in grado di dare un parere negativo all'mp3, anche ben ci fosse tutto il cd dei Dammercide in giro per la rete e tutti lo scaricassero, tanto non è che vendiamo 6 milioni di copie e da un momento all'altro le vendite passano da 100 copie a 11 copie, cmq, mp3 è bello perchè ne abbiamo 2 su Metallus! [risate]
Deco: sinceramente non ho capito tutto il casino che è successo quando c'è stata lo scontro tra, va beh, non stiamo a fare nomi che tanto li sanno tutti e Napster, cose del genere, perchè sicuramente l'mp3 non danneggia chi viaggia già a dischi di platino, fa solo bene a chi non ha la possibilità di farsi promuovere a livello mondiale, può bastare una recensione in America e un americano che non sa dove cazzo andare a prendere il disco dei Dammercide, va a beccarsi l'mp3 da qualche parte... alla fine penso che le vendite siano importanti ma la diffusione sia la cosa principale, l'mp3 come veicolo di diffusione è la cosa migliore che ci potesse essere in rete, poi è chiaro che ci sono le esagerazioni, xchè il fatto che dia cmq una mano alla pirateria non sono belle cose, xò c'è il lato bello e il lato brutto di tutte le cose, come c'è il lato bello e il lato brutto del commercio
Fabio2: aumentiamo le date live dei gruppi famosi così almeno loro incassano
Deco: ma... i gruppi famosi sono cazzi loro, sinceramente!
Fabio2: sono i primi che si lamentano anche!
Deco: per forza! più ne hai, più ne vuoi! noi siamo favorevoli, gli altri non so, però penso che bene o male faccia bene a tutti l'esistenza dell'mp3, anche a quelli della fascia intermedia forse sono quelli un po' + danneggiati dalla pirateria, in generale a quelli che appartengono a realtà meno di spicco rispetto a quella americana, quella inglese
Impy: ci sono anche gruppi come Grave Digger che erano con la Gun Records e in pratica all'estero andava poco e infatti erano abbastanza favorevoli all'mp3 proprio per questo, soprattutto in madrepatria escono i loro cd e poi non sempre hanno un gran riscontro, ho letto l'ultimo singolo dei Blind Guardian, la Germania è il paese in cui ha avuto meno successo, è arrivato 4° in Spagna, 1° in Giappone, in Italia...boh !
Lisi: preferireste mantenere la musica che fate come hobby oppure farla come mestiere?

Deco: domanda che non ci siamo mai posti all'interno, espressamente mai, per me xchè non saprei come potrebbero pensarla gli altri, io preferisco evitare di fare progetti a lunga scadenza, nel senso, impormi il fatto che io con la musica voglia farci tot e magari smettere di lavorare e campare soltanto di musica, xchè cmq è un modo di ragionare che ti impone delle scelte, secondo me imporsi un obiettivo come quello di riuscire a "vivere di musica" è una cosa che magari va a influire un po' troppo sull'atteggiamento "artistico", ti poni dei limiti, per carità! bisogna cmq sempre tenere d'occhi come ci si pone nei confronti del pubblico perchè alla fine è una cosa importante il pubblico
Fabio2: tu puoi fare un cd bellissimo, però se dal vivo, o sei una pietra o cmq non sei capace a suonare non puoi...
Deco: al di là del discorso dal vivo, alla fine fai musica perchè qualcuno l'ascolti, non è che 6 lì che scaldi l'aria, xò io sinceramente preferisco pensare che non ho la minima idea di dove possiamo andare a parare con i Dammercide, tutto quello che viene, va sfruttato al massimo delle sue possibilità, quello senza ombra di dubbio, e se ci fosse la possibilità di trasformare quello che adesso, non è proprio un hobby, è una passione, una cosa che viene naturale fare... se ci sono le entrate meglio, chiaramente! se ci fosse la possibilità di trasformarlo nella propria vita, sarebbe una cosa bellissima, è ovvio che tutti abbiamo idee utopiche in testa
Fabio2: mettiamola così: se entro 5 secondi il S. Andrea si tinge di rosso completamente, allora possiamo dire che coi Dammercide potremmo campare! se no, dovremo cambiare genere e fare revival anni '70!
Deco: stando coi piedi per terra, sicuramente non ce la faremo mai
il liscio è il genere che paga! suoni i pezzi degli altri quindi non ti sbatti a scrivere, mangi come un porco, bevi come un disgraziato, vedi delle tardone paurose nelle balere, ti pagano tantissimo, alla fine che vita bella è? però evidentemente c'è qualcosa che ci impedisce di suonare liscio! (ahuahuahuahuahuahuauhauh! n.d. Dark Mayhem)
Impy: la fisarmonica è uno strumento insormontabile!
Deco:sarebbe bello suonare la fisarmonica, nei Dammercide... la fisarmonica distorta![risate]
[D]Lisi: volete aggiungere qualcosa?
Fabio2: a parte il fatto che con l'uscita del prossimo cd tutti quei 2, 3, 4 milioni di spettatori che avevamo ogni serata probabilmente non ci saranno +... [risate]
Deco: non accetteranno il cambiamento!
Fabio2: o se lo accettano, per la media italiana, poi non è che io voglia dare un giudizio, sono veramente aperti se accettano un cambiamento da "Link" a "Structure"... uscirà il prossimo anno verso la fine
Deco: un saluto a tutti i lettori di Metal Maniacs e anche... agli altri lettori!
[Fabio2: e anche ai lettori di libri! (............ n.d. Dark Mayhem -qua ci dovevo essere io...-)
Deco: ai lettori!
[D]Impy: anche a quelli cd! (!!!)

Bloody Lisi - Impaler