HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

Theatre des vampires - Intervista a Necros (keyboards)

Intervista a cura di : Dark Mayhem

Ci scusiamo per la tarda pubblicazione di questa intervista, relativa a Necros, tastierista degli ormai affermati Theatre des vampires. La band, giunta quest’anno alla pubblicazione di un disco celebrativo per l’anniversario del conte Vlad, racconta qua i retroscena del primo full lenght per Blackend records: “Bloody lunatic asylum”


1)Innanzitutto complimenti per l'ultimo lavoro partorito dalla vostra band, Bloody lunatic asylum, che ha dimostrato un intensa maturazione rispetto ai precedenti dischi. Dopo un avvio piuttosto difficile, vedi lo scioglimento e i cambi di linea di qualche anno fa, vi siete ritrovati a firmare con un'etichetta come la Blackend e con un manager come Tim Fraser (Cradle of filth , Morbid angel , Christian Death). Per una band italiana queste non sono cose da tutti i giorni. Qual'e' stato il fatto che vi ha permesso questo enorme salto di qualita'?
Siamo stati fortunati a dire il vero.

Nel 1999 siamo stati invitati ad alcune manifestazioni inglesi basate sul vampirismo.
La nostra band era headliner e durante uno dei nostri show (Quello di Londra) abbiamo scoperto che Gian dei Cradle of filth era un nostro fan infatti era presente alla serata e dopo il concerto è venuto a complimentarsi con noi nel backstage, abbiamo stretto subito amicizia e siamo stati insieme tutta la sera. Dopo due giorni lo abbiamo ritrovato a Norwich in occasione di un altro nostro concerto. In quella circostanza era accompagnato da un suo amico, Tim Fraser, che è il manager di Christian Death ed Anathema ed Estreme Noise Terror (altra band di Gian). Alla fine del concerto ci ha chiesto se eravamo interessati a firmare con lui. Non potevamo certo rifiutare ed oggi Tim è il nostro manager.
Dopo questo evento abbiamo cominciato a frequentare più spesso la scena inglese ed abbiamo firmato con la Plastic Head/Blackend. Il nostro Manager è sempre dietro ad ogni nostra mossa e questo ci ha aiutato enormemente a crescere e fare quel salto di qualità di cui tutti oggi parlano.
2)Il vostro sound si potrebbe definire a meta' fra il black sinfonico proposto da band come i Cradle of filth e sonorita' piu'classiche.Secondo me ci sono molte influenze anche dai Death SS di meta'corso (il periodo di Heavy demons), ad esempio in pezzi come Dances with Satan, che forse arricchiscono il concetto di horror music all'interno del contesto di cui fate parte. Che ne pensi?
Bè penso che il nostro stile ha un nome ben preciso: Gothic Metal. Credo che il nostro sound ricordi forse più band come Moonspell o Crematory , è indubbio l’interesse per il Black Metal Sinfonico, ma non credo che la nostra band sia più di tanto riconducibile a formazioni come i Cradle of Filth o i Dimmu Borgir. Per quanto riguarda i Death SS, bè è indubbio che sono cresciuto con la loro musica, ma non riesco a trovare molti punti di riferimento. I Death SS facevano una sorta di Power Horror, ed oggi poi sono su tonalità decisamente più rockeggianti. Credo che il sound dei Death SS sia più riconducibile a “King Diamond" non è un segreto infatti che Steve Sylvester si sia sempre ispirato al geniale cantante dei Mercyful Fate per le sue composizioni. Anche il nostro cantante è fortemente influenzato da King D. ed è forse per questo che puoi trovare dei riferimenti concettuali simili. Comunque i TdV sono una band che fa e farà Gothic Horror Metal, spero che con questo abbia chiarito le idee a molti.
3)Come descriveresti i precedenti e meno conosciuti "Nosferatu" e "The vampire chronicles", soprattutto paragonati a "Bloody lunatic asylum" , piu' che per la produzione, in termini di sonorita' e concetti?
Non parlerò di Nosferatu, il demo del 95, in quanto non ero presente nella formazione.
“The Vampire Chronicles” è un album di una band fortemente underground, che voleva essere tale. I suoni sono più cupi, e non era presente quella ricerca che invece oggi facciamo costantemente. “The Vampire Chronicles” tratta tematiche più vicine allo studio letterario del Vampirismo, in “Bloody Lunatic Asylum” abbiamo invece trattato tematiche più sulfuree, il motivo di fondo è che cerchiamo di dare ad ogni nostro album una ben precisa connotazione culturale. Nel prossimo EP “Iubilaeum Anno Dracula 2001” in uscita ad Ottobre 2001 sempre per Plastic Head/Blackend, abbiamo invece trattato tutte tematiche inerenti la figura di Dracula. Cerchiamo di non ripeterci da questo punto di vista.
4)L'esoterismo nella musica lo vedi come qualcosa di prettamente scenico o e'usato in maniera diversa e piu'profonda da gruppi come il vostro?
L’esoterismo fa parte del mio background culturale, quindi non è sicuramente solo un fattore scenico. Ci discostiamo però parecchio dalle tematiche normalmente trattate nel genere. Il satanismo che ci viene proposto dai Mass Media (e che purtroppo è anche fonte di tanto interesse dal 90% dei Black Metallers, band comprese) è chiaramente una buffonata. Non credo assolutamente nella valenza del Dio Cristiano e quindi non posso pregare qualcosa che pur essendo in antagonismo ne ammette l’esistenza.
Tuttavia l’immagine di Satana appare spesso nei nostri testi, ma attenzione, viene vista e vissuta dal punto di vista vampirico. Satana non è più un’entità, ma noi stessi risvegliati come figli della notte, chiarificatore nel testo di “Lunatic Asylum” la frase: I’m Satan, I’m God, I’m an Angel: I’m a Vampire! Non ho trovato mai interessante crocifiggere gatti o rospi, dare fuoco a chiese o disseppellire bare dai cimiteri…Ho sempre preferito studiare l’occultismo dalle sue origini e così per l’immagine del vampiro. Il sangue è il mio Dio… non certo Satana o Cristo. Il male non è mai dove lo si cerca… ricordatevelo bene.
Il male è puro ed innocente, come i bambini.
5)Di recente da cosa vi sentite maggiormente influenzati e cosa vi attrae maggiormente nel panorama Metal mondiale?
Siamo sempre attenti alle proposte moderne. Apprezziamo moltissimo band come Dimmu Borgir e Kovenant, che sanno essere ultra moderne ad aggressive allo stesso tempo.
Queste band tuttavia non sono fonte di influenza stilistica. Come ti dicevo siamo legati a sonorità stile King Diamond o nel Gotico stile Sister of Mercy, queste influenze le riportiamo però ai giorni d’oggi ed allo stile che amiamo, quindi è tutto rivisto in chiave moderna, più maligna sicuramente e più oscura.
6)In questi anni il Black metal e'passato da genere strettamente underground addirittura fino a guadagnarsi (bisogna stabilire se in positivo o in negativo, a seconda dei punti di vista) l'etichetta di "trend". Sono in molti a suonarlo, rispetto a quanto accadeva nei primi anni 90 quando nascevano band memorabili come Mayhem e Darkthrone. Come lo vedi personalmente il black metal? Come genere musicale che si evolve o come la musica malvagia per eccellenza ridotta pero' ad un lumicino da questa evoluzione?
Parlando di vendite sicuramente va fatta questa precisazione, la band da te citate sono infatti un fenomeno strettamente legato all’underground. Band come Cradle of Filth e Dimmu Borgir, suonando un genere più accessibile alla massa e più melodico, risultano anche più “vendibili”. Penso però che siano due generi completamente diversi (Black Metal classico e quello Sinfonico) per nulla paragonabili tra di loro e che si rivolgono ad un pubblico diverso.
Penso che alla base del Black Metal stile DarkThrone, ci fosse la voglia di far capire che non era tanto importante la vena compositiva o la tecnica, quanto il sentimento maligno che scaturiva dai brani stessi. Era un genere costretto a rimanere di nicchia (e sul lungo termine forse a scomparire), il Black Metal sinfonico a saputo invece rinnovarsi, le band che lo suonano hanno avuto la volontà di proporre qualcosa che fosse più accessibile, più ragionato, più “di massa”. Io sono un amante del Gothic Metal e quindi non riesco a gradire più di tanto il Black Metal Raw style, preferisco atmosfere più pacate, melodiche, ragionate e criptiche. Ma naturalmente stiamo parlando di un mio gusto personale. Non sono però convinto che il Black Metal sia la musica malvagia per eccellenza. Mi mettono molto più i brividi gli album di Diamanda Galas o dei Das Ich (giusto per farti un paio di nomi) che quelli dei Darkthrone.
7)Che parte hanno gli altri 6 componenti della band nelle composizione oltre a te e Lord Vampyr? Da quanto riportato nei booklet sembra che le composizioni, eccetto per brani come Les litanies de Satan (musiche di Beethoven), siano del tutto attribuibili a voi due.
E’ fondamentalmente vero, anche se spesso da parte del resto della band, vengono dati alcuni aiuti dal punto di vista compositivo. Diciamo che le basi vengono gettate da me e Lord Vampyr, poi il resto della band interviene massicciamente in fase di arrangiamento dei pezzi. Io e Lord Vampyr abbiamo una perfetta affinità musicale, e riusciamo a sfornare brani su brani ogni volta che ci incontriamo per comporre…Diciamo che la comunicazione dal punto di vista musicale è completa tra noi due.
8)Un parere su Internet e sulla musica scaricabile via rete? A prima vista Internet e'un ottimo modo per l'informazione, pero' per voi musicisti ha dei grossi ostacoli...
Credo che Internet sia un’ottima fonte di diffusione e promozione.
Se qualcuno ama veramente la tua band, dopo aver scaricato un tuo mp3, sicuramente procederà all’acquisto del disco completo. I Metallica sono stati realmente odiosi con la vicenda della chiusura di Napster, un tremendo autogol che è costato molto dal punto di vista di immagine. Purtroppo il music business è un campo spietato, dove non si tiene conto della globalizzazione musicale che stiamo vivendo negli ultimi anni, contano solo i soldi. In definitiva sono estremamente contento che le nostre canzoni girino su internet, non farò mai nulla per vietare questo, anzi dell’ultimo album ho favorito la distribuzione di mp3, e credo che la scelta sia stata vincente…Molta gente che non ci conosceva dopo aver letto le recensioni si è incuriosita ed ha potuto ascoltare alcuni brani, senza dover necessariamente andare al negozio o acquistare il CD a “scatola chiusa”. Il 70% di quelle persone ha poi acquistato l’album… se non avessero trovato le canzoni su internet, forse non lo avrebbero acquistato affatto.
9)L'uso dell'elettronica e'divenuto per la maggiorparte delle band novizie e talvolta anche per quelle oramai affermate un fatto importante, sia per il miglioramento delle produzioni che per le modifiche apportabili al suono, che lo possono snaturare e rendere tecnologico e futuristico...vedi band come Fear factory, Voivod o Dimmu Borgir tanto per citarne alcune, sebbene in campi e circostanze differenti. Vantaggio o maledizione per il metal?
La tecnologia è basilare per questo tipo di musica (e forse per tutti i tipi di musica, classica compresa). Non è un segreto ormai il fatto che molte band oggi, ritocchino la batteria “triggerando” i vari pezzi del drumset e scegliendo suoni diversi per cassa, rullante e tom.
Tutti gli strumenti passano per riverberi ed effetti controllati dal computer, molti studi utilizzano pacchetti come Pro Tools o Cubase per registrare in hard disk recording i CD, e i risultati che si ottengono oggi in post-produzione (come massimizzazione del suono) possono essere ottenuti solo tramite sofisticati sistemi il più delle volte controllati dal computer.I sintetizzatori e campionatori moderni poi, sono dei veri e propri gioielli di elettronica digitale. La totalità delle band moderne utilizza questi sistemi, e pensare di continuare a registrare come facevano i Black Sabbath negli anni 70 sarebbe anacronistico.
La musica si evolve, la tecnologia anche, ed i musicisti con lei… nulla di strano davvero.
Anche parlando di un uso più estremo dell’elettronica come va tanto di moda adesso, con delle fusioni vere e proprio di Metal e EBM o Elettrogothic o musica da discoteca stessa, non si può che guardare con occhio benevolo sperimentazioni, c’è spazio per tutto nella musica, purché venga fatto con opportuna perizia.
Il rischio è quello di strafare o di utilizzare macchinari molto sofisticati senza la dovuta esperienza, facendo produzioni non all’altezza del fine che forse a volte è superiore alle possibilità della band stessa.
L’elettronica va usata, l’importante è non diventarne schiavi e farsi usare da lei stessa.
Non credo che un suono futuristico sia brutto perché è futuristico e basta… Può essere brutto quando il prodotto è fatto male, è ingenuo, acerbo o scontato.
Una band come i Kovenant, è riuscita con grandissima perizia ad unire i generi, il risultato è clamoroso, ottimo a tutti gli effetti, non bisogna sottovalutare un prodotto del genere, che risulta perfetto a tutti gli effetti, sia dal punto di vista di composizione, che di esecuzione che di produzione.
Sono convinto che ai defenders un prodotto del genere non possa piacere, ma dubito che questo possa intaccare le vendite di band come Kovenant , Atrocity, Rammstein ecc. ecc.
Molte volte si rifiutano certe fusioni musicali, perché non si ha la cultura musicale necessaria per capirle… tutto qui.
10)Una conclusione personale per i vostri progetti futuri?
Ad ottobre uscirà un nuovo EP dal titolo “Iubilaeum Anno Dracula 2001” per commemorare la nascita di Vlad Dracul avvenuta 570 anni fa (la ricorrenza è Novembre), lasceremo con questo prodotto un ricordo per gli amanti del vampirismo e per la figura storia di Dracula, mito immortale di tutti noi, non mi risulta che nessuna altra band abbia avuto questa idea, è quindi un grande onore poter essere gli unici che hanno ricordato questo evento.
Nei primi mesi del 2002 la Plastic Head ristamperà poi “The Vampire Chronicles” completamente rimasterizzato in Inghilterra e con una veste grafica nuova.
Per finire è in discussione un cambio di etichetta verso una label Inglese leader nel campo del Metal (per ovvie ragioni non posso fare il nome, ma ti posso annunciare fin da adesso che se il nostro Manager farà bene il suo lavoro, quando e se daremo questa notizia, tutti rimarranno senza parole), questo cambio rappresenterebbe un ulteriore e clamoroso salto di qualità nel quale noi e Tim Fraser speriamo fortemente.
Si vedrà…


Dark Mayhem