HOME
RECENSIONI
INTERVISTE
CONCERTI
BIOGRAFIE
LO STAFF
LINKS
FORUM
SKINS
ZERO DAYS, ZERO SECS

Cradle of filth + Immolation

Data:01/04/2003

Localita:Alcatraz, Milano

Eccoci quindi alla data milanese dei Cradle, giunti in Italia dopo l'uscita dell'ultimo lavoro Damnation And A Day (nonchè di un live e altro materiale, tutto recensito su questo stesso sito). Lavoro che ha un po' diviso la critica e il pubblico in una decina di fazioni: c'è a chi piace e c'è a chi non piace, a chi piace solo un po', a chi un po' di piu'... e cosi' via. Personalmente l'ho trovato un album più che discreto, ho preferito decisamente Midian. Aprono il concerto gli Immolation, storica band death, cavie predestinate alla causa del sound-check (i suoni, come abbiamo visto anche al Tattoo The Planet di un anno fa, sono il grande punto debole dei COF Live), ma forniscono una buona prova, i fans possono rimanere soddisfatti. Ma ecco arrivare i vampiri inglesi..... hmmmmm.... i suoni sono orribili, impastati, le canzoni a tratti irriconoscibili. Eppure sono state fatte belle canzoni, le canzoni migliori della loro discografia, mi riferisco a Cruelty Brought Thee Orchids, Her Ghost In The Fog, Dusk And Her Embrace... tutto ottimo materiale, ma eseguito in maniera irriconoscibile. "E' quella canzone ... no, ti sbagli , è quell' altra ... ah no, ho riconosciuto tre note del ritornello, sono sicura che è questa" ... è capitato tante volte in questa serata. Si ripete ancora una pessima prestazione live, evidentemente ci sono gravi problemi nell'alchimia live dei Cradle Of Filth , in parte riconosciamo che la musica della band non sia di facile esecuzione dal vivo (e soprattutto per la gola del cantante Dani, capiamo che non può sempre fornire ottime prestazioni torturandosi, però dovrebbe quantomeno cercare di "difendersi", per me adotta anche tecniche sbagliate, sforzando dove non dovrebbe e così perdendo energie utili). Forse poco affiatati in concerto , o forse semplicemente inadatti al live... Ascoltiamoci un loro cd che è meglio.

DavS